Muco negli occhi nei bambini: è il raffreddore?

Patologie come il raffreddore, la rinite allergica e la congiuntivite batterica danno come sintomo la lacrimazione dagli occhi. Per capire cosa disturba il bambino, si possono imparare a conoscere queste patologie, così da poterle distinguere e risolvere al meglio il problema.

Il raffreddore: cause e sintomi

Il raffreddore nei bambini desta sempre un po’ di preoccupazione, specialmente quando sono molto piccoli. In realtà, è un malanno che non crea troppi problemi e che il più delle volte si risolve da solo nel giro di una decina di giorni al massimo. È normale vederlo durare un po’ di più di quello degli adulti, perché i bambini hanno un sistema immunitario ancora immaturo, che deve imparare e respingere questa minaccia per l’organismo. Per lo stesso motivo, un bambino nel giro di un anno prende il raffreddore molte più volte di un adulto e questo anche perché la vita che fa a scuola, a stretto contatto con i coetanei, lo porta a stare a stretto contatto con il rischio di contrarlo.

A causare il raffreddore sono centinaia di virus, appartenenti a diverse famiglie (come i rhinovirus e gli adenovirus), che riescono a oltrepassare il filtro naturale del naso, generando un’infiammazione. Non è il freddo a fare ammalare i bambini, tanto che con il raffreddore possono uscire, seppur con qualche accortezza. C’è da dire, però, che le basse temperature riescono a mettere alla prove i meccanismi di difesa del corpo.

I sintomi del raffreddore nei bambini possono essere un po’ di più di quelli dei grandi e durare più a lungo. Non manca mai il naso chiuso, causato da un accumulo di muco in eccesso, c’è poi la rinorrea, dalle narici cioè cola il muco, e spesso i fastidiosi starnuti. Ci sono poi il mal di gola e la tosse, scatenati dal fatto che il bambino, per il naso tappato, tende a respirare a bocca aperta, che irrita questa parte delle vie aeree dove arriva aria non filtrata, contrariamente a quanto accadrebbe con la respirazione nasale. Diversamente dagli adulti, il raffreddore nei bambini può causare anche un po’ di febbre, che però deve scomparire nell’arco di 3 giorni, altrimenti potrebbe essersi sovrapposta un’infezione batterica.

E se fosse rinite allergica?

La rinite allergica è una condizione scatenata da un’allergia, una reazione anomala che ha l’organismo quando entra in contatto con una sostanza che di per sé sarebbe innocua. Il corpo la riconosce come nociva e mette in atto delle azioni mirate a liberarsene, generando così una serie di sintomi, a volte anche pericolosi.

Pollini, muffe, ma anche animali o acari della polvere possono dare il via ai sintomi della rinite allergica. Per certi versi simili a quelli del raffreddore, i fastidi includono naso chiuso, che cola, frequenti starnuti, ma alcuni sono più specifici, come il prurito che viene riferito al naso e alla gola e gli occhi che si fanno rossi e gonfi, oltre che pruriginosi. L’allergia, per le difficoltà che causa a respirare bene, porta spesso a rendere il bambino stanco.

Un modo per capire se è allergia o semplice raffreddore è quello di tenere conto dell’età: la rinite allergica nei bambini, infatti, compare in un’età specifica, associata anche al tipo di allergene, la sostanza che scatena la reazione. Una rinite allergica perenne (come quella alla polvere) può presentarsi in tenera età, intorno ai 4 anni, mentre la rinite allergica stagionale (tipica quella dei pollini) arriva più tardi, a 10 anni.

La congiuntivite batterica

Il muco negli occhi dei bambini potrebbe significare anche che si è sviluppata una congiuntivite batterica, diversa da quella virale (del raffreddore) o allergica, dunque anche con qualche rischio in più. Non è raro che compaia in seguito a una malattia da raffreddamento, ma c’è anche l’abitudine dei più piccoli a sfregarsi gli occhi con le manine sporche, che di certo non è il miglior modo per prevenire le malattie.

Se il muco negli occhi del bambino non è più una semplice secrezione bianca, ma acquista un colore che tende al giallo, è bene fare attenzione e rivolgersi al pediatra. L’occhio può risultare anche gonfio e arrossato e il bimbo tende di solito a sfregarlo di continuo per il fastidio che sente, specialmente al mattino, quando le palpebre risultano appiccicose.

I rimedi per il muco negli occhi dei bambini

La congiuntivite nei bambini, qualunque disturbo la scateni, deve essere vista dal pediatra, perché si evitino ben più gravi complicazioni. Il medico, poi, è l’unico che può dirci quale è il miglior rimedio nel caso specifico. Vediamo però come ridurre il rischio che la congestione nasale e la presenza di muco si traducano in questo spiacevole problema.

Il raffreddore non ha una cura, passa da solo così come è arrivato, ma nei bambini c’è da fare molta attenzione, in particolare se siamo in presenza di raffreddore nei neonati, che hanno un particolare modo di respirare per cui devono avere sempre il naso libero. I lavaggi nasali con doccia nasale costituiscono un’ottima soluzione per liberare le vie aeree e farli respirare meglio: basta della semplice soluzione fisiologica o un decongestionante con formula arricchita con sostanze idratanti come l’acido ialuronico, e si ottiene un perfetto decongestionante nasale per bambini. Con l’uso di una siringa privata dell’ago o di fialette monodose acquistate già confezionate si spinge il liquido nelle narici (una per volta) e si fa uscire il muco, che con l’acqua sarà reso più fluido.

I lavaggi nasali hanno efficacia anche in caso di rinite allergica, perché fanno sì che le narici si liberino e in parte portano via anche le impurità che si annidano nel naso, incluse le particelle di allergene, come i pollini. I farmaci, invece, vanno usati con molta cautela nei bambini e sotto indicazione del medico. Può esserci bisogno, infatti, di antistaminici, che si trovano anche in forma di collirio da applicare nell’occhio con un contagocce. Se la congiuntivite si scopre essere di tipo batterico, è probabile che venga prescritto un antibiotico, che si può trovare anch’esso in forma di collirio.

In attesa di eliminarne la causa, si possono rimuovere le cispe e il muco nei bambini: gli occhi vanno puliti con soluzione fisiologica e l’aiuto di una garza sterile.

 

Fonti:

Amico Pediatra, Raffreddore; Rinite allergica

Humanitas Care, Sbalzi di temperatura, un pericolo per la salute; Se i bambini hanno gli occhi impastati

Humanitas Salute, Raffreddore: non è il freddo a farci ammalare

Mayo Clinic, Common cold in babies

Ospedale Bambino Gesù, Raffreddore; Congiuntivite

Il mio respiro, Rinite nei bambini, in gravidanza e negli anziani

Articoli della stessa categoria

Raffreddore sintomi, cause e rimedi
Il raffreddore: cause, sintomi e rimedi di un diffuso male di stagione